Escursioni e Tour

Descrivere i Tour in Sicilia è mestiere quasi impossibile perché non basterebbero ore ed ore di lavoro, e facile dimenticarsi comunque di citare un luogo, una città o un’attrazione ed inoltre le possibili combinazioni che si possono intrecciare nei tour sono infinite benché si può spaziare dalle Città d’Arte ai tour naturalistici eventualmente anche cercando di combinarle fra loro.

Queste poche destinazioni/descrizioni che ho qui inserito sono solo indicative: contattaci in base alle vostre esigenze e valuteremo insieme la richiesta ed il tempo disponibile…

Ragusa Ibla

Ragusa Ibla by night

Ragusa Ibla

Ragusa Ibla, dichiarata patrimonio mondiale dell’Umanità da parte di UNESCO, sembra una città sospesa nel tempo, ricca di stretti vicoli dai quali spiccano imponenti strutture architettoniche barocche e neoclassiche.

Si potrà ammirare il portale medioevale di San Giorgio, entrando nel Giardino Ibleo che custodisce una ricca flora e le chiese di San Giacomo e Sant’Agata.

Potrete proseguire su Corso XXV Aprile  e si ammirerà la chiesa barocca di San Giuseppe, il palazzo neoclassico Arezzo de Spuches, il Circolo Conversazione: antico ritrovo della nobiltà locale ed infine il maestoso Duomo di San Giorgio.

Si potranno osservare le suggestive mensole del settecentesco palazzo La Rocca e si può terminare la passeggiata con una degustazione dei prodotti tipici del Ragusano.

 

 

Modica San Giorgio

San Giorgio Modica

Modica

Modica è l’antica capitale dell’omonima Contea, si sviluppa su un esteso altopiano e sulle adiacenti vallate.

Si potrà passeggiare tra gli antichi vicoli e le suggestive scalinate e visitare lo scenografico duomo di San Giorgio, passando dalla casa natale di Salvatore Quasimodo, premio nobel per la letteratura nel 1959 e giunti sul corso Umberto l°, delimitato da suggestivi palazzi barocchi e neoclassici si potrà visitare la chiesa Barocca di San Pietro.

Non si può non concedersi una granita oppure una degustazione del famosissimo Cioccolato di Modica, oppure i “mpanatigghi” e altri deliziosi prodotti tipici di Modica.

 

 

 

Noto

Le Maschere di Pietra di Noto

Noto è conosciuta come la Capitale del Barocco Siciliano, inserita nel patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO è tra le più suggestive città della Sicilia per le calde sfumature color miele che assumono i prospetti degli edifici antichi al calar del sole.

Durante la coinvolgente passeggiata per il corso principale si ammireranno maestosi conventi, monasteri e raffinate chiese barocche quali Santa Chiara, l’imponente Cattedrale, San Carlo e San Domenico.

In Via Nicolaci si rimarrà stupidi dai mascheroni di pietra, le mensole e le cornici decorative del palazzo dei Principi Nicolaci animate da volti paffuti, cavalli alati, centauri, chimere e sirene di rara bellezza.

Scicli

Scicli, paesino barocco della Sicilia, immerso nel magnifico incanto dei monti iblei.

Si attraversa l’affascinante paesaggio ricco di ripide pareti calcaree, carrubbi, muretti a secco, chiese e case e giungiamo alla vista di quello che definiremmo una gemma nel cuore della Sicilia.

L’impatto visivo iniziale non può far altro che lasciarci a bocca aperta: ci sembrerà di essere di fronte ad un meticoloso e ben riuscito progetto di architettura organica.

La città sorge all’incrocio di tre valloni, con case da ogni parte su per i dirupi, una grande piazza in basso a cavallo di una fiumara e antichi fabbricati ecclesiastici che coronona più punti.

La via Mormino Penna ed il Palazzo Beneventano rappresentano un capolavoro del genio creativo umano dell’età tardo-barocca.

 

 

 

 

 

Il Duomo di Siracusa

Siracusa

Fondata intorno al 734 a.c. Siracusa, in epoca greca è stata una delle città più ricche e potenti del Mediterraneo. In epoca romana rimase il principale centro della Sicilia, mentre sotto i Bizzantini per alcuni anni, fu capitale dell’impero sotto Costante ll.

Nell’area archeologica della Neapolis si potranno ammirare il famoso Orecchio di Dionisio, all’interno delle Latomia del Paradiso il magnifico teatro greco, l’Ara di Ierone ll e i suggestivi resti dell’anfiteatro romano.

Si può proseguire la visita sull’isola di Ortigia, cuore della città antica, ricca di vicoli e viuzze che custodiscono edifici dai molteplici stili, dal Greco al Bizantino, dal Gotico al Rinascimentale, dal Barocco al Neoclassico.

Da vedere il Duomo, originariamente tempio pagano trasformato in chiesa cristiana e la Fonte Aretusa che fà da testimone della storia millenaria.


WhatsApp chat